Coolest band ever – La regola dei 5 dischi

Da qualche parte ho letto una frase di Joe Strummer che diceva più o meno cosi riflettendo sulla carriera dei Clash “E’ bello arrivare dire qualcosa e poi andarsene dopo un po'”. Tipo dopo 5 dischi, che poi sono 6. Ma l’ultimo disco dei Clash non conta.

Allora ho avuto una epifania. 5 è il numero di dischi perfetto per andarsene, è non tornare mai più. Per non tirarla troppo in lungo, troppi tour, troppi cambi, troppe ripetizioni, diventare la copia di sè stessi, produrre lavori annoiati per pura routine (band degli anni ’90 che si riformano inultimente). Un gruppo dovrebbe fare al massimo 5 dischi e poi fine dei giochi. Poi ho trovato subito le eccezioni alla mia regola. Innanzitutto si applica alle band ma non ai singoli artisti e non valgono i cambi di formazione (sopra il 50% dei componenti, il conteggio riparte da 0).

Vai con gli esempi.

clash-1981aThe Clash: 5 dischi + il disco senza Mick Jones e Topper Headon ‘Cut the crap’. Questo non lo contiamo perchè Joe Strummer stesso dice che fu un errore e comunque conferma la regola. Chiudono con Combat Rock forse non il loro miglior episodio ma quello con i due singoli di maggior successo del gruppo. Dopo 5 anni al 110% non potevano durare di piu’ di così. Esemplari.

 

 

The_PoliceThe Police. non esemplari ma SUPER esemplari. Non solo 5 dischi, ma scendono dal palco con un super disco ‘Synchronicity’. A parte il pezzo di Andy Summers che evitavo di copiare dal vinile quando ne facevo una copia su cassetta, qui siamo sempre ad alti livelli. E’ bella anche la copertina, i titoli, i testi e tutto il resto. Soprattutto elegante. Superiore. Fanno la reunion nel 2007 per uno dei tour più redditizi della storia ma evitando di cascare nella trappola di fare un disco inutile. Lucidi.

THE-queen-is-dead

The Smiths. Oltre. 5 dischi in 4 anni meglio dei Police. Anzi l’ultimo è Rank dal vivo. Copertine belle tutte anche quelle dei singoli. Gran musica e grande stile. 18 singoli. Impossibili. Ovviamente raccolte e boxset a non finire perchè no alla reunion. Ma non li contiamo perchè non sono dei veri dischi. Si la sigla di “Streghe” è una cover di un brano neanche bellissimo degli Smiths.

 

Nirvana. Squalificati a tavolino ma comunque in lizza. Se Kurt Cobain fosse ancora qui probabilmente avrebbe distrutto i Nirvana dopo In Utero e avrebbe riiniziato in altro modo. Cmq se contiamo i tre album in studio (senza Incesticide, Sliver, i live e tutte le raccolte post-mortem) ovvero Bleach, Nevermind e In Utero siamo vicini allo stile richiesto dalla regola.

Gruppi che hanno esagerato e che avrebbero dovuto fermarsi in tempo:

Genesis. Peter Gabriel lo aveva capito lasciando nel 1975 dopo 5 dischi splendidi (escludiamo il primo perchè vendette 600 copie, perchè avevano 16 anni, perchè la formazione non è quella classica, perchè non decidettero nulla della produzione). In sequenza “Trespass” “Nursery Crime” “Foxtrot” “Selling in England by the pound” e “The Lamb lies down on Broadway”. Tutto il resto è superfluo a parte 2 dischi che non vi dico. Avrebbero dovuto cambiare nome ma non l’hanno fatto. Bocciati e ogni volta che sento Invisible Touch mi si spezza il cuore.

Yes. Ridicoli nel loro proporre nel 2014 la versione cover band di se stessi con il cantante sosia del leader storico che ha lasciato o è stato lasciato a casa. Se smettevano dopo Yessongs o Close to the Edge erano perfetti. Si salvano in parte per il disco “90125” del 1984, consigliato se non vi da fastidio il suono eccessivamente anni ’80. Pubblicano come gli Emerson Lake & Palmer i dischi da classico gruppo prog alla frutta con pezzi esagerati e fumosi. Fuori tempo massimo. Fuori forma.

U2. Non so veramente. A loro concedo i primi 6 dischi, anzi 6 e mezzo. Achtung Baby lo vediamo come svolta nel sound e ne apprezziamo l’intento rottamatore e gli occhiali da mosca di Bono. Ma perchè sono ancora qua?

Led Zeppelin. Primi 5-6 dischi ad alti livelli. Bonzo muore e il gruppo si ferma nel 1980. Forse avrebbero proseguito per diversi tour fino alla distruzione. Ma Plant e soci avevano scherzato troppo con l’occultismo e la magia nera e la paura subentra dopo il tragico evento. Super macchina da concerti trova nel live la sua vera dimensione per cui vengono condonati gli album in eccesso.

Fuori categoria e eccezioni: Beatles, Queen e Weather Report per dirne tre. Ok questa regola non funziona così tanto ma ho parlato di un po’ di gruppi importanti per cui dovete perdere del tempo e continuare a perderlo. I Beatles comunque hanno registrato tutta la loro discografia in 8 anni, cioè il tempo medio nel quale oggi un artista medio pubblica il best of con 1 inedito in mezzo a due dischi comunque mediocri. Più efficienti di un operaio sulla linea di montaggio Alfa Romeo.

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s